Categorie

Commenti recenti

    Federigo Alizeri

    Tela, Gesù Bambino dormiente con angeli, Ignoto

    Oggetto: Tela
    Autore: Ignoto
    Soggetto: Gesù Bambino dormiente con angeli
    Data:
    Collezione: Collezione Cristoforo Centurione
    Descrizione iconografica: “[…] un bambino Signore, e due angeli, che l’hanno scoperto, e l’osservano dormente […]”
    Misure: H: 105,5 cm ca., L: 83 cm ca.
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Andrea Pitto, Piazza Fossatello 3
    Ubicazione attuale: Collezione privata
    Fonti a stampa:
    – Ratti 1780, pag. 246
    – Alizeri 1846 Voll. II, parte I, pag.366
    Fonte manoscritta:
    – Inventario dei beni mobili del palazzo di Battista Centurione, Via del Campo 1, in ASGE, Notai giudiziari 2749 Cesare Baldi, fasc. 388 c. 86r
    Annotazioni:
    – Ratti 1780, dichiara che un’opera di identico soggetto e dimensione è stata commissionata a Guido Reni dalla Famiglia Brignole.
    – Esiste, in collezione privata, segnalata dalla Fondazione Zeri, una tela di soggetto identico, con dimensioni simili, attribuita a Guido Reni.

    Bibliografia:

    - P. Boccardo, C. Di Fabio, R. Besta (a cura di), “El Siglo de los Genoveses: e una lunga storia di arte e splendori nel Palazzo dei Dogi”, Milano, Electa, 199, pag. 331.

    Tela, Il Sacrificio di Isacco, Orazio Gentileschi

    Oggetto: Tela
    Autore: Orazio Gentileschi
    Soggetto: Il Sacrificio di Isacco
    Data: 1620 ca.
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 197 cm, L: 148 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Genova, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 122
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 432
    - Alizeri 1875, pag. 187-188
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    - Inventario 2 dicembre 1811, Santino Tagliafichi lo definisce, genericamente, di scuola veneta.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 379.
    - Ibidem, pag. 384.
    - J.W. Mann e K.Christiansen, (a cura di), “Orazio e Artemisia Gentileschi”, Milano, Skira, 2001, pag. 166-167.
    - M. G. Bernardini, S. Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.
    - E.Gavazza e G. Rotondi Terminiello (a cura di), “Genova nell’età Barocca”, Milano, Nuova Alfa Editoriale, 1992, pag. 195-196.
    - R. Contini, G. Papi (a cura di), “Artemisia Gentileschi”, Roma, Leonardo De Luca, 1991, pag. 160.

    Pittura su rame, Madonna con il Bambino e Santi, Pieter Paul Rubens

    Oggetto: Pittura su rame
    Autore: Pieter Paul Rubens
    Soggetto: Madonna con il Bambino e santi
    Data:
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 74,5 cm ca., L: 49,5
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale:
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag.121
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 433
    - Alizeri 1875, pag. 188
    Fonte manoscritta:- Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1780, non specifica la superficie del dipinto.
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    - Inventario 2 dicembre 1811, Santino Tagliafichi lo indica come dipinto su rame.
    - Le misure dell’opera sono ricavate dall’inventario, espresse in palmi sono state calcolate, approssimando il palmo a 24,8 cm.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 43.
    - Ibidem, pag.379
    - M. G. Bernardini, S. Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.

    Pittura su rame, San Francesco mostra le stigmate, Pieter Paul Rubens

    Oggetto: Pittura su rame
    Autore: Pieter Paul Rubens
    Soggetto: San Francesco mostra le stigmate
    Data:
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 74,5 cm ca., L: 49,5
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale:
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag.121
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 433
    - Alizeri 1875, pag. 188
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1780, non specifica la superficie del dipinto.
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    - Inventario 2 dicembre 1811, Santino Tagliafichi lo indica come dipinto su rame.
    - Le misure dell’opera sono ricavate dall’inventario, espresse in palmi sono state calcolate, approssimando il palmo a 24,8 cm.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 43.
    - Ibidem, pag.379
    - M. G. Bernardini, S. Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.

    Tela, Lucrezia, Artemisia Gentileschi

    Oggetto: Tela
    Autore: Artemisia Gentileschi
    Soggetto: Lucrezia
    Data: 1620-1621 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 100 cm, L: 77 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Milano, Collezione Etro
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 120
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 432
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1780, la attribuisce ad Orazio Gentileschi.
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    - Inventario 2 dicembre 1811, è attribuita ad Orazio Gentileschi.
    Bibliografia:
    - P. Carofano, M. Ciampolini, F. Paliaga, (a cura di), “Atti delle Giornate di Studi sul Caravaggismo e il Naturalismo nella Toscana del Seicento”, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 2009, pag. 19.
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 380.
    - F. Simonetti (a cura di), “Orazio Gentileschi e Pietro Molli”, Genova, San Giorgio, 2005, pag. 36.
    - J.W. Mann e K.Christiansen, (a cura di), “Orazio e Artemisia Gentileschi”, Milano, Skira, 2001, pag. 362.
    - M. G. Bernardini, S. Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.
    - R. Contini, G. Papi, (a cura di), “Artemisia Gentileschi”, Roma, De Luca, 1999, pag. 50.

    Tela, Sibilla, Guercino

    Oggetto: Tela
    Autore: Guercino
    Soggetto: Sibilla
    Data: 1620 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 137 cm, L: 130 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Cento, Pinacoteca Civica
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 120
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 432
    - Alizeri 1875, pag. 187-188
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    - Le misure dell’opera sono ricavate dall’inventario, espresse in palmi sono state calcolate, approssimando il palmo a 24,8 cm.
    - La tela, nel suo formato originale misurava H: 69 cm, L: 79 cm. Secondo Piero Boccardo l’ingrandimento è dovuto alla necessità di avere opere di egual dimensioni alle pareti.
    Bibliografia:
    - F. Gozzi e R. Vodret (a cura di), “Guercino 1591-1666. Capolavori da Cento e da Roma”, Firenze, Giunti, 2011, pag. 104-105.
    - S. Papetti e V. Sgarbi (a cura di), “Le stanze del cardinale: Caravaggio, Guido Reni, Guercino, Mattia Preti”, Milano, Silvana, 2009, pag. 112-113.
    - G. Campanini (a cura di), “Da Guercino a Bonzagni. Le collezioni d’arte della Fondazione e della Cassa di Risparmio di Cento”, Bologna, FMR-Art’è, 2008, pag. 62-63.
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 386.
    - M. G. Bernardini, S. Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.
    - P. Boccardo, N. Turner (a cura di), “Genova e Guercino: dipinti e disegni delle Civiche collezioni”, Genova, Nuova Alfa, 1992, pag. 21.

    Tela, Deianira presta ascolto alla Fama, Pieter Paul Rubens

    Oggetto: Tela
    Autore: Pieter Paul Ruben
    Soggetto: Deianira presta ascolto alla Fama
    Data: 1615 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 245 cm, L: 168 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Torino,Galleria Sabauda
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1766, pag. 110
    - Ratti 1780, pag. 120
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 431
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1766, elenca due tele di soggetto generico.
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 388.
    - G. Marcenaro, “Viaggio in Italia: un corteo magico dal Cinquecento al Novecento”, Milano, Electa, 2001, pag. 138.
    - M. G. Bernardini, S.Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.

    Tela, Ercole nel giardino delle Esperidi, Pieter Paul Rubens

    Oggetto: Tela
    Autore: Pieter Paul Rubens
    Soggetto: Ercole nel giardino delle Esperidi
    Data: 1615 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 246 cm, L: 168,5 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Torino, Galleria Sabauda
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1766, pag. 110
    - Ratti 1780, pag. 120
    - Alizeri 1846 Vol. II, pag. 431
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1766, elenca due tele di soggetto generico.
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 388.
    - G. Marcenaro, “Viaggio in Italia: un corteo magico dal Cinquecento al Novecento”, Milano, Electa, 2001, pag. 138.
    - M. G. Bernardini, S.Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.

    Tela, Morte di Cleopatra, Orazio Gentileschi

    Oggetto: Tela
    Autore: Orazio Gentileschi
    Soggetto: Morte di Cleopatra
    Data: 1613 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 118 cm L: 181 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Milano, Collezione Amedeo Morandotti
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 119
    - Alizeri 1846 II, pag. 432
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1
    Annotazioni:
    - Per questioni ereditarie, nel 1811, la tela viene venduta, con un blocco di altre opere in collezione Gentile, ad Agostino Adorno.
    Bibliografia:
    - P. Carofano, M. Ciampolini, F. Paliaga, (a cura di), “Atti delle Giornate di Studi sul Caravaggismo e il Naturalismo nella Toscana del Seicento”, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 2009, pag. 19.
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 382.
    - F. Simonetti (a cura di), “Orazio Gentileschi e Pietro Molli”, Genova, San Giorgio, 2005, pag. 36.
    - J.W. Mann e K.Christiansen, (a cura di), “Orazio e Artemisia Gentileschi”, Milano, Skira, 2001, pag. 97 e ss.
    - M. G. Bernardini, S.Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.
    - E. Gavazza e G. Rotondi Terminiello (a cura di), “Genova nell’età Barocca”, Milano, Nuova Alfa Editoriale, 1992, pag. 192-195.

    Tela, Storie di Enea: Vulcano consegna le armi ad Enea, Lorenzo De Ferrari

    Oggetto: Tela
    Autore: Lorenzo De Ferrari
    Soggetto: Vulcano consegna le armi ad Enea
    Data: 1735 ca.
    Collezione:
    Ratti 1766, Collezione Bartolomeo Saluzzo
    Descrizione iconografica:
    Misure:
    Ubicazione d’epoca:
    Genova, Palazzo Giusso, Via Chiabrera 7
    Ubicazione attuale:
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1766, pag. 96
    - Soprani-Ratti 1769, pag 263
    - Ratti 1780, pag. 108
    - Alizeri 1875, pag. 44
    Fonte manoscritta:
    Annotazioni:
    - Ratti 1766 e 1780, indica tre tele di soggetto generico.
    - Dispersa dopo l’ultimo conflitto mondiale.
    Bibliografia:
    - E. Poleggi, F. Caraceni Poleggi (a cura di), “Descrizione della città di Genova da un anonimo del 1818”, Genova, Sagep, 1969, pag. 237.
    - E. Gavazza, “Lorenzo De Ferrari (1680-1744)”, Milano, Edizioni La Rete, 1965, pag.42 e ss pag. 95 e ss.