Categorie

Commenti recenti

    Antoon van Dyck

    Tela, Addolorata, Antoon van Dyck

    Oggetto: Tela
    Autore: Antoon van Dyck
    Soggetto: Addolorata
    Data:
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure:
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale:
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 122
    Fonte manoscritta:
    Annotazioni:
    Bibliografia:

    Tela, Luigia Cattaneo Gentile, Antoon van Dyck

    Oggetto: Tela
    Autore: Antoon van Dyck
    Soggetto: Luigia Cattaneo Gentile
    Data: 1622 ca
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 147 cm L: 112 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Strasburgo, Musée de Beaux-Arts
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag 120 e 129
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1780, appare indicata in due collezioni diverse della famiglia Gentile.
    - Ratti 1780, la indica con il nome Placida Cattaneo Gentile, ma non esistono riscontri negli alberi genealogici delle due famiglie.
    - Nell’inventario del 1811, Santo Tagliafichi elenca una tela del “[…] Vandich rappresentante Ritratto di una Signora in abito nero”, Piero Boccardo non riconosce in quest’opera Luigia Cattaneo Gentile, nonostante il soggetto descritto sia simile e le misure differiscano per pochi centimetri. La tela presente sull’inventario ha infatti le seguenti misure: H: 136,5 cm ca.; L: 105,5 cm ca.
    Bibliografia:
    - L. Magnani (a cura di), “Collezionismo e spazi del collezionismo. Temi e sperimentazioni”, Roma, Gangemi, 2014, pag. 119.
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 379.
    - M. G. Bernardini, S.Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.
    - S. J. Barnes, P. Boccardo, C. Di Fabio, L. Tagliaferro (a cura di), “Van Dyck a Genova. Grande pittura e collezionismo”, Milano, Electa, 1997, pag. 226-229.
    - P. Boccardo, C. Di Fabio, G. Algeri, R. Besta (a cura di), “Pittura fiamminga in Liguria: secoli XIV-XVII”, Genova, Banca Carige, Fondazione Cassa di risparmio di Genova e Imperia, 1997 pag. 234.

    Tela, Il trionfo di Bacco fanciullo, Antoon van Dyck e Jan Roos

    Oggetto: Tela
    Autore: Antoon van Dyck e Jan Roos
    Soggetto: Il trionfo di Bacco fanciullo
    Data: 1625
    Collezione: Collezione Gentile
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 149 cm ca., L: 173,5 cm ca.
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo Emanuele Filiberto Di Negro, Via al Ponte Reale 2
    Ubicazione attuale: Zurigo, Kunsthaus
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 119
    - Soprani-Ratti 1769, pag. 448
    Fonte manoscritta:
    - Inventario 2 dicembre 1811, Genova, Archivio Durazzo Giustiniani, Archivi Pallavicini, Carte Gentile, busta 1.
    Annotazioni:
    - Ratti 1780, la attribuisce a Pieter Paul Rubens.
    - Le misure dell’opera sono ricavate dall’inventario, espresse in palmi sono state calcolate, approssimando il palmo a 24,8 cm.
    Bibliografia:
    - P. Boccardo (a cura di), “L’età di Rubens. Dimore, committenti e collezionisti genovesi.”, Milano, Skira, 2005, pag. 392.
    - M. G. Bernardini, S.Danesi Squarzina, C. M. Strinati (a cura di), “Studi di storia dell’arte in onore di Denis Mahon”, Milano, Electa, 2000, pag. 205-213.

    Tela, Alessandro Giustiniani, Antoon van Dyck

    Oggetto: Tela
    Autore:
    Antoon van Dyck
    Soggetto: Alessandro Giustinani in abito da senatore
    Data: 1620 ca
    Collezione: Collezione Giustiniani
    Descrizione iconografica:
    Misure: H: 200 cm, L: 116 cm
    Ubicazione d’epoca: Genova, Palazzo di Luca Giustiniani, Via San Bernardo 171
    Ubicazione attuale: Berlino, Gemäldegalerie
    Fonti a stampa:
    - Ratti 1780, pag. 109 e 195
    Fonte manoscritta:
    Annotazioni:
    Bibliografia:
    - A. Leonardi, “Per le dimore e il collezionismo dei Giustiniani a Genova. Tra il cardinale Vincenzo Giustiniani olim Banca e il mercante Vincenzo Giustiniani olim Longo”, in “Studia Ligustica. Collana di Studi on line per l’approfondimento delle tematiche interdisciplinari riguardanti la storia, le arti e la bibliografia della Liguria”, II (2012), pag. 15-16
    - P. Boccardo, C. Di Fabio, M. Bartoletti, “Genova e l’Europa mediterranea: opere, artisti, committenti, collezionisti”, Milano, Silvana, 2005, pag. 295
    - S. J. Barnes, P. Boccardo, C. Di Fabio, L. Tagliaferro (a cura di), “Van Dyck a Genova. Grande pittura e collezionismo”, Milano, Electa, 1997, pag. 256-258.

    1“[il palazzo] fu demolito totalmente intorno al 1850 per edificarvi una casa d’affitto moderna […]” Poleggi Ennio (a cura di), Una reggia repubblicana. Atlante dei Palazzi di Genova 1576-1664, Torino, Umberto Allemandi & C., 1998 pag.148