Sestiere del Molo

Da FoscaWiki.

Sestiere del Molo


Il Sestiere del Molo su Google Maps

Presentazione Sestiere

Il Quartiere del Molo con le parole dell' Anonimo Genovese: «è il più antico ov'ebbe cuna la città di Genova prima anche della fondazione del Molo Vecchio, è altresì il più centrale e con uguale distanza dalle due Porte principali dell'antico recinto dette di S. Tommaso a ponente e di S. Stefano o dell'Arco di levante; egli è pure concentrico alla gran pianta della città perchè ad un'eguale distanza dalle due punte della Lanterna e della Strega di Carignano situato. Confina a levante con quello di Portoria, che termina la città nel recinto vecchio. La linea di divisione del quartiere della Maddalena comincia al Ponte Reale, sega la Piazza Banchi, prende la Strada degli Orefici, Campetto, Soziglia, la Strada di Luccoli, la Piazza delle Fontane Amorose, la Salita di Santa Caterina. Quindi in Piazza Rovere il Quartiere del Molo non ha più che il solo quartiere di Portoria a fronte: la linea che lo separa segue per la strada a S. Sebastiano, a S. Domenico, a S. Ambrogio, Piazza Nuova, Vico de' Notai, Pian da S. Andrea, Salita de' Trogoli, Strada di Ravecca, Piazza Sarzano fino al poggio di Miradore sulle mura al mare. Abbraccia poi la più bella parte del porto e la più sicura sino al Molo e il resto delle mura al mare fino a S. Antonio».

La lettura del testo dell'Anonimo Genovese ci ha permesso di identificare alcuni monumenti oggi scomparsi tra i quali vogliamo ricordare la Chiesa di S.Paolo il Vecchio, Piazzetta San Genesio, il Mercato di Chiappa, il Portofranco, il Ghetto degli ebrei, Malapaga, S. Bernardo, l'Oratorio del Suffragio, l'Arciconfraternita della Morte, S. Croce e il teatro S. Agostino.


Data la vastità dell'area abbiamo operato una scelta delle principali evidenze monumentali contenute al suo interno che, presentiamo qui di seguito.
Ogni evidenza raccoglie il frutto delle nostre ricerche, la nostra elaborazione personale del testo consultato e gli stralci estrapolati dagli scritti, lettere, romanzi e trattati rigurdanti, naturalmente, la nostra area di studio. Le citazioni dai testi sono state inserite in ordine cronologico: per data di edizione (per quanto riguarda le Guide) e per data del soggiorno genovese (per quanto riguarda i Viaggiatori). La bibliografia, segue, invece, l'ordine alfabetico per cognome degli autori citati e dei testi consultati.

                                                                                     F.R.

--Claudia Peirè 16:08, 1 Jun 2010 (CEST)

Elenco delle voci

Cattedrale di S. Lorenzo;
Palazzo Arcivescovile;
Chiesuole di S.Giovanni il Vecchio e di S. Maria della Vittoria;
Palazzo del Cavalier Pietro Elena;
Palazzo della Banca Nazionale;
Palazzo Coccapani;
Palazzo Elena;
Chiesa delle Scuole Pie;
Palazzo degli Imperiali;
Palazzo Casareti;
Chiesa S.Pietro in Banchi;
Palazzo S. Giorgio;
Palazzo dei Croce;
Palazzo Giusso;
Biblioteca Franzoniana;
Palazzo Poggi;
Palazzo dei Marchesi Negrotti;
Oratorio della Morte;
Piazza delle Erbe;
Oratorio del Suffragio;
Chiesa di S. Agostino;
Teatro Nazionale;
Chiesa di S. Donato;
Piazzetta di San Bernardo e Chiesa;
Oratorio dei SS. Pietro e Paolo;
Palazzo Salvaghi;
Chiesa di S. Giorgio;
Chiesa di S. Torpete;
Palazzo Cattaneo;
Chiesa dei SS. Cosma e Damiano;
Chiesa di S. Marco;
Vecchio Molo;
Chiesa di N.D. delle Grazie;
Oratorio di S. Giacomo della Marina;
Torre Embriaci;
Palazzo Brignole;
Chiesa di S.M. di Castello;
Chiesa di S.M. in Passione;
Oratorio dei Re Magi;
Piazza Sarzano;
Chiesa di S. Silvestro;
Oratorio di S. Antonio Eremita della Marina;
Chiesa di S. Salvatore;
Chiesa di S. Andrea;
Chiesa del Gesù;
Palazzo Ducale;
Palazzetto;
Chiesa di S. Matteo.

Gruppo di studio

Paola Bottaro, Davide Ferraris, Elisa Ferraro, Elisa Giustarini, Martina Mazza, Federica Rabai

Strumenti personali