Sestiere di Prè

Da FoscaWiki.

Sestiere di Prè


Contents

Presentazione del Sestiere

Alizeri, nella sua Guida illustrativa del cittadino e del forestiero per la città di Genova e sue adiacenze, indica il percorso da seguire per visitare il sestiere di Pré in questo modo: «dal Ponte Calvi, a ritroso del suo compagno ch’è quello della Maddalena, s’inerpica per S. Nicolosio fin sopra allo sghembo delle Turchine; quasi sdegnando il confine si torce al Fossato di San Gerolamo (Circonvalmonte, zona Castelletto), scende sul manco lato di Carbonara: indi per egual’erta cammina il ripiano di Pietra Minuta (attualmente vi sorge il Castello d’Albertis): prosegue l’altezza fino a Montegalletto (odierno Corso Dogali), ripiomba al fossato di Sant'Ugo, rimonta al propugnacolo di San Giorgio, e sazio oggimai di fatica, s’appunta e si termina a San Tommaso. Negli estremi (precisamente a Nord e a Nord est) sestieri di San Vincenzo e di San Teodoro s’appagano alla pianura che li corre e li disegna a dilungo...». Ad Est detto Sestiere era delimitato da quello della Maddalena, mentre a Sud scendeva verso il mare.


                                                                    Lucia Bellezza

Si riporta, di seguito, la superficie dei Sestieri e la parte di tale superficie che è orizzontale. Inoltre viene confrontata la superficie di Genova con quella di tre importanti capitali, secondo quanto pubblicato nel 1836 dagli Accademici di Parigi.

Sestieri e capitali Superficie totale Superficie piana
  -Misure in ettari-
San Vincenzo 253 42
San Teodoro 458 21
Pré 49 24
Maddalena 23 7
Portoria 83 42
Molo 30 28
Genova 896 164
Parigi 3408  
Gran Cairo 793  
Roma 638  

tratto da: Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico statistico commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Torino, 1840.

                                                                    Valentina Fusco

Bibliografia

Alizeri F. , Guida illustrativa del cittadino e del forestiero per la città di Genova e sue adiacenze, Genova, Sambolino, 1875, rist. anastatica Forni.

Casalis G., Dizionario geografico storico statistico commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Torino, 1840.

Elenco delle voci

Chiesa di S. Tommaso;
La Commenda;
Basilica del Santo Sepolcro;
Chiesa e Spedale di S. Giovanni;
Scuola Civico Primaria;
Priorale di S. Sisto;
Chiesa Commendatizia di S. Antonio Abate;
Chiesa Priorale di S.Fede;
Porta dei Vacca;
Strada del Campo;
Chiesa parrocchiale di S. Marcellino;
Piazza di Fossatello;
Palazzo del Marchese Gaetano Campiaso;
Palazzo del Marchese Ignazio A. Pallavicini;
Chiesa di S. Filippo;
Oratorio di S. Filippo;
Palazzo dei Sig. G.B. Rocca;
Palazzo Balbi;
Palazzo dei Signori Patroni;
Chiesa dell’Incarnazione;
Chiesuola di S. Bernardo all’Olivella;
Chiesa del Santo Apostolo Bartolommeo;
Chiesa Priorale di Santa Maria del Carmine;
Palazzo Sopranis;
Basilica della Nunziata;
Oratorio di S. Antonio da Padova;
Palazzo de’ Marchesi Negrotto Cambiaso;
Chiesa di S. Sabina;
Oratorio della Morte e Orazione;
Oratorio di S. Antonio Abate e delle cinque piaghe di G.C.;
Palazzo del Marchese Giovanni Serra;
Via Balbi;
Palazzo del Marchese Giovanni Durazzo;
Palazzo del Marchese Francesco Balbi-Senarega;
Chiesa dei SS. Girolamo e Francesco Saverio;
Palazzo Grppallo;
Palazzo della R. Università degli Studi;
Chiesa di S. Carlo;
Palazzo di sua Maestà;
Teatro del Falcone (di Corte);
Palazzo dei Farraggiana;
Monumento a Cristoforo Colombo.

Gruppo di studio

Lucia Bellezza, Giulia Freccero, Elisa De Paoli, Valentina Fusco.

Strumenti personali