Mentone

Da FoscaWiki.

(Differenze fra le revisioni)
Versione del 18:28, 11 Jul 2007 (modifica)
Silvia Bregliano (Discussione | contributi)

← Differenza precedente
Versione del 18:36, 11 Jul 2007 (modifica)
Silvia Bregliano (Discussione | contributi)

Differenza successiva →
Riga 1: Riga 1:
"'''Mentone''', dove abbiamo pranzato, è un borgo ne’ di cui contorni (la temperatura più calda che a Nizza permettendolo) si coltivano più Limoni che Aranci. I Limoni si vendono 30 franchi il migliaio." <br> "'''Mentone''', dove abbiamo pranzato, è un borgo ne’ di cui contorni (la temperatura più calda che a Nizza permettendolo) si coltivano più Limoni che Aranci. I Limoni si vendono 30 franchi il migliaio." <br>
-''Corsa pel bacino del Rodano e per la Liguria d'Occidente'', [[Giuseppe Marzari Pencati]] e Giuseppe Dall'Acqua+''Corsa pel bacino del Rodano e per la Liguria d'Occidente'' di [[Giuseppe Marzari Pencati]] e Giuseppe Dall'Acqua, 1806
Riga 14: Riga 14:
Certe mulattiere sono talmente strette e a precipizio sul mare che si possono percorrere solo a piedi e anche a cavallo sarebbe pericoloso perché la roccia è a strapiombo sul mare."<br> Certe mulattiere sono talmente strette e a precipizio sul mare che si possono percorrere solo a piedi e anche a cavallo sarebbe pericoloso perché la roccia è a strapiombo sul mare."<br>
-''[[Voyages dans les Alpes]]'' di [[Horace Benedict De Saussure]]+''[[Voyages dans les Alpes]]'' di [[Horace Benedict De Saussure]], 1796
Silvia Bregliano Silvia Bregliano

Versione del 18:36, 11 Jul 2007

"Mentone, dove abbiamo pranzato, è un borgo ne’ di cui contorni (la temperatura più calda che a Nizza permettendolo) si coltivano più Limoni che Aranci. I Limoni si vendono 30 franchi il migliaio."

Corsa pel bacino del Rodano e per la Liguria d'Occidente di Giuseppe Marzari Pencati e Giuseppe Dall'Acqua, 1806


"Prima di arrivare ho rivisto delle catene di pietra calcarea e di argilla disposti in posizione verticale in direzione sud est e nord ovest. L’approccio di questa città è gradevole e ci sono profumi di arance e di limoni che odorano l’aria. Mentone è costruita su una collina che forma un promontorio. Fuori dalla città di Mentone c’è una strada ben decorata da muretti e lamponi, è per ordine del Principe di Monaco che fu stabilita questa comunicazione tra la capitale (Monaco) e Mentone. Questa stessa strada prosegue anche perpendicolarmente per la larghezza e la lunghezza. Si vedono montagne anche molto alte le cui sommità sono aguzze come le corna di un caprone, una forma frequente nelle montagne calcaree di queste Alpi.
A metà della città lasciamo la strada principale e prendiamo una scorciatoia fatta di calcari molli e argille, ma presto riprendiamo la strada principale e ritroviamo rocce calcaree rosse. Tutto attorno vediamo campagne ricoperte di olivi e vigne e da lontano si vede il Principato di Monaco, seguendo questa strada ci sono sempre pietre calcaree e gress arrotondato. Ci sono buchi come piccole caverne ma non ho trovato alcun segno di corrosione del mare sulla facciata di queste montagne ma vedo delle rocce ricoperte da uno strato calcareo compatto tutte con angoli appuntiti, queste rocce non sono più moderne delle montagne che le ricoprono. Le ricerche mi hanno portato agli stessi risultati: le rocce che costeggiano il mare hanno la stessa composizione di quelle che costituiscono le montagne alle sue spalle, il resto di queste montagne è costituito da una marna compatta che io attribuirei quasi alla Pirrite di decomposizione, e tutto ha il colore rosso ocra che io attribuisco alla decomposizione di questa pirrite.
Certe mulattiere sono talmente strette e a precipizio sul mare che si possono percorrere solo a piedi e anche a cavallo sarebbe pericoloso perché la roccia è a strapiombo sul mare."

Voyages dans les Alpes di Horace Benedict De Saussure, 1796


                                                                           Silvia Bregliano
Strumenti personali